Comunicazione fatture emesse e ricevute e Comunicazione liquidazioni IVA: la soluzione Sistemi

Gli adempimenti

Il DL 193/2016 e il D.Lgs 127/2015 introducono importanti adempimenti. A partire dal periodo di imposta 2017, i contribuenti, per effetto del DL 193/2016, hanno l’obbligo di:

  • inviare trimestralmente i dati relativi alle liquidazioni periodiche IVA;
  • inviare trimestralmente i dati delle fatture emesse e ricevute e delle loro variazioni.

Il nuovo modello della dichiarazione di intento

La novità

Con un Provvedimento del 2 dicembre 2016 l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello di dichiarazione di intento per gli acquisti effettuati da esportatori abituali. L’unica novità rispetto al modello esistente consiste nella eliminazione del campo che permette la possibilità di effettuare operazioni senza applicazione dell’IVA per un determinato periodo dell’anno (dal… al…).

Nuovo regime di cassa per le contabilità semplificate

Reddito per cassa per le semplificate

La Legge di Bilancio 2017 prevede una importante novità per le imprese che hanno i requisiti per adottare il regime di contabilità semplificata. A partire dal 2017, infatti, queste dovranno determinare il reddito secondo il principio di cassa (art.66 TUIR).

Nascono, dunque, obblighi contabili diversi in considerazione della conseguente modifica dell’art. 18, DPR n. 600/73. Resta fermo che al contribuente sarà sempre possibile optare per la contabilità ordinaria. I soggetti che adottano la contabilità semplificata sono chiamati a scegliere come tenere i registri fiscali:

Calendario scadenze amministrative 2017

In vista della conferma del decreto fiscale (DL 193/2016), convertito in legge qualche giorno fa, occorre modificare il calendario scadenze rispetto a importanti adempimenti amministrativi aziendali.

Gli adempimenti interessati a un aggiornamento, a partire già dall’esercizio 2017, sono: lo spesometro, il nuovo adempimento delle liquidazioni Iva trimestrali da inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate, la Certificazione Unica, il “Tax Day”, la Dichiarazione Iva, la comunicazione degli acquisti Intrastat, la comunicazione Black List e la comunicazione polivalente degli acquisti da San Marino. Le riepiloghiamo nella tabella seguente:

Non è mai troppo tardi? No, presto che è tardi!

Non è mai troppo tardi!

Lo affermava Alberto Manzi nella sua trasmissione di alfabetizzazione degli italiani. Era il 1960 e chi, come me, è un over 50, se lo ricorderà sicuramente. Ai molti non dirà nulla. Ma, nel contesto di questo post, questa affermazione è assolutamente errata.  Sarebbe meglio usare: “il tempo è tiranno”, “non c’è tempo da perdere” o meglio, come urlava Bianconiglio in ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE, con in mano l’orologio a cipolla:

Presto che è tardi!

Presto_che_e_tardi

Da oltre 10 anni mi interesso al vino… ma non sono un alcolista